Fornelli a gas


Fornelli a gas Klarstein: la scelta giusta per la tua cucina

Saper cucinare è certamente un'abilità, ma per ottenere risultati ottimali è necessario avere a disposizione anche gli strumenti giusti. E cosa c'è di più importante di un piano cottura efficiente e funzionale che soddisfi le tue esigenze e abitudini di cottura? Tanto i piani cottura in vetroceramica quanto i classici fornelli a gas sono soluzioni interessanti che non richiedono un grande investimento. E nonostante i piani cottura a induzione stiano diventando sempre più popolari, soprattutto per il loro design moderno e la facilità d'uso, il buon vecchio fornello a gas è certamente la scelta più popolare, perché più economico e utilizzabile con qualsiasi tipo di pentola. Ma come trovare il miglior modello? Questa domanda potrebbe sembrare banale, ma non lo è, perché ha a che fare non solo con la funzionalità ma anche con considerazioni legate all'estetica e al design.

Klarstein ti offre una vasta gamma di modelli, dalle versioni più piccole, compresi pratici piani cottura a gas da 30 cm, fino ai piani cottura a gas a 4 e persino a 5 fuochi pensati per le esigenze delle famiglie più numerose, quando cerchi maggiore comodità e spazio per cucinare più piatti contemporaneamente. Continua a leggere per saperne di più sulle principali caratteristiche da ricercare, trova il miglior fornello a gas per le tue esigenze nella nostra galleria di prodotti, e approfitta delle nostre ottime offerte.

Come funziona un fornello a gas?

Il funzionamento di un piano cottura a gas da incasso o a libera installazione rimane lo stesso. Il cuore del sistema è il bruciatore, situato appena sotto la corona da cui esce la fiamma. Naturalmente, maggiore è la potenza del bruciatore, maggiore sarà il consumo di gas. Sopra la corona, si trova sempre il tappo del bruciatore, un metallo che lo scopre e lo protegge. Un piano cottura di questo tipo è dotato di manopole per regolare il flusso del gas in uscita. A seconda dei casi, il gas può provenire dal sistema di alimentazione a gas naturale o dalla classica bombola che va periodicamente sostituita.

Una volta girata la manopola, è necessario accendere la fiamma con una scintilla, premendo un apposito pulsante o con un accendino, e alcuni fornelli a gas producono la scintilla automaticamente non appena si gira la manopola. Sopra il fornello è posizionata una griglia che funge da piano di appoggio per pentole e padelle: di solito, essa è realizzata in ghisa e dispone di conducibilità termica per facilitare il trasferimento di calore. In alcuni casi, le griglie del piano cottura possono anche essere in acciaio inossidabile.

Cucine a gas in diverse dimensioni

Il primo aspetto da considerare quando acquisti il tuo piano cottura a gas riguarda le sue dimensioni. I piani cottura da incasso sono caratterizzati da dimensioni precise e standardizzate che permettono la loro installazione in qualsiasi tipo di cucina, e ad esempio, la misura della profondità è solitamente intorno ai 51 cm. La larghezza invece può variare, e un piano cottura a 5 fuochi sarà, ovviamente, più largo di un piano cottura a 4 fuochi, anche se non si tratta di una regola fissa. Per esempio, alcuni piani cottura a gas con quattro bruciatori misurano 50 cm e altri possono raggiungere una larghezza di 65 cm. Ma ce ne sono anche di più grandi, come ad esempio i fornelli a gas con sei bruciatori, che possono essere larghi fino a 95 cm.

Se hai problemi di spazio, la scelta più ovvia ricadrà su un piano cottura più piccolo. In questo caso, la larghezza minima è di 30 cm, e il piano cottura comprenderà normalmente un massimo di due bruciatori. I quattro bruciatori classici che troviamo nella stragrande maggioranza dei piani cottura a gas differiscono inoltre per le loro dimensioni. Il fornello a gas più grande è anche chiamato rapido, quello più piccolo è detto ausiliario, mentre quelli di medie dimensioni sono chiamati semi-rapidi. Una cucina a gas con fornelli di diverse dimensioni ti permette di scegliere sempre la fiamma ideale per quello che cucinando: una fiamma grande è adatta per far bollire un'enorme pentola d'acqua, mentre quella piccola è perfetta per una caffettiera Moka o per una piccola casseruola. Le altre due sono adatte a tutti gli usi intermedi.

Scegliere il miglior fornello a gas

I fornelli a gas si differenziano non solo per il numero di bruciatori, ma anche per la loro potenza e disposizione. A seconda delle dimensioni dei bruciatori, la potenza nominale di ciascuno varia: i più piccoli hanno di solito una potenza intorno ai 1000 W, quelli medi tra i 1500 e i 2000 W, e quelli più grandi (chiamati anche rapidi o super rapidi) superano generalmente i 3000 W. Mentre i bruciatori ausiliari sono adatti a cotture lente e a pentole piccole, quelli più grandi si prestano meglio per per cotture intense e pentole grandi. Questi aspetti andrebbero presi in considerazione quando scegli un piano cottura a gas, perché sono legati alle tue abitudini culinarie e alle dimensioni della tua famiglia. Inoltre, più potenza significa una maggiore velocità di cottura.

Un ulteriore elemento da considerare è il numero di corone. I migliori piani cottura a gas hanno bruciatori a doppia o tripla corona: ciò significa che la fiamma esce da due o tre dischi concentrici, e non da un solo anello come avviene nei piani cottura tradizionali o più economici. Il vantaggio di questo meccanismo è semplice: il calore si distribuisce uniformemente sotto la pentola, e il cibo si cuocerà più uniformemente e rapidamente. Infine, anche il posizionamento dei bruciatori è importante, e anche in questo senso si possono trovare diverse opzioni. La disposizione a rombo si è unita alla classica disposizione quadrata, e non si tratta solo di una differenziazione estetica, ma anche pratica, in quanto ciò influisce sulla disposizione delle pentole e sul modo di utilizzare il piano cottura. L'ultima generazione di piani cottura a 5 fuochi è spesso dotata del cosiddetto bruciatore wok, enorme e potente, progettato per preparazioni che richiedono alte temperature.

Le pentole giuste per il tuo fornello a gas

Uno dei principali vantaggi di avere un piano cottura a gas è che si può utilizzare qualsiasi tipo di padella, pentola o tegame perché viene riscaldato da una fiamma aperta. Basterà, quindi, posizionare il recipiente sopra di esso per ottenere un aumento istantaneo della temperatura. Gli utensili da cucina hanno subito una profonda evoluzione nel corso degli anni, volta a limitare lo spreco di energia e a migliorare i risultati culinari, e le pentole di rame utilizzate in passato sono quasi scomparse, poiché questo materiale, nonostante sia un ottimo conduttore di calore, richiede molta manutenzione dopo ogni utilizzo. Oggi si preferiscono materiali come l'alluminio e l'acciaio inossidabile, spesso utilizzati in combinazione per formare una struttura a strati. Il primo conduce bene il calore, mentre il secondo può vantare una notevole resistenza. Lo stesso vale per il piano cottura. Alluminio, acciaio inossidabile e acciaio inossidabile spazzolato sono i materiali più usati, mentre la ghisa è preferibile per le griglie.

Per quanto riguarda la pulizia, le griglie sono l'elemento più problematico, data la loro tendenza a incrostarsi e la scomodità di raggiungere determinate parti con una spugna. Per questo motivo, è consigliabile scegliere un piano cottura a gas con lo stesso numero di griglie del numero di bruciatori. Più piccole e comode, queste griglie si possono anche lavare in lavastoviglie per una pulizia più profonda.

Sistemi di sicurezza per il tuo piano cottura a gas

Non bisogna sottovalutare i potenziali rischi per la salute che anche i migliori piani cottura a gas possono comportare, poiché funzionano con una fiamma aperta che può causare ustioni, scottature e, se fuori controllo, persino incendi. Inoltre, il gas può essere pericoloso in caso di perdita a causa dello spegnimento involontario della fiamma. Fortunatamente, i moderni piani cottura a gas sono progettati per limitare questi pericoli attraverso sistemi di sicurezza molto efficienti. Alcuni modelli, per esempio, sono dotati di luci che si illuminano quando griglie e bruciatori sono ancora caldi, impedendoti di toccarli per errore.

In caso di incendio accidentale, una valvola di sicurezza che ferma l'erogazione del gas. Basta una folata di vento o un liquido versato sul fuoco per produrre una tale situazione. E se ciò accade, la termocoppia montata su ogni fornello entra immediatamente in funzione. Rilevando un calo di calore dovuto allo spegnimento del fuoco, la termocoppia invia un segnale alla valvola di controllo del gas, che blocca l'erogazione del gas.

torna su