Guida all’acquisto del condizionatore:
test e confronti

Condizionatori portatili, mini, o split: i climatizzatori sono disponibili in diversi modelli e dimensioni e la scelta del dispositivo giusto per la tua casa dipende da diversi fattori. In questa guida ti spieghiamo come scegliere il modello giusto e quali dettagli sono importanti nel confronto fra l’uno e l’altro. Scopri se vuoi affidarti all’aria condizionata classica, se il raffrescatore si adatta di più alle tue esigenze o se, invece, un ventilatore è sufficiente a soddisfare i tuoi bisogni.

Funzionalità e principali differenze tra climatizzatori

Quando si parla di climatizzazione, spesso si fa riferimento in modo generico a tutta una gamma di dispositivi, fra cui il classico condizionatore split è solo la più impegnativa delle opzioni.
Quindi iniziamo subito con il darti un consiglio: prima di dare per scontato che l’installazione di un condizionatore mono o dual split sia la scelta giusta, inizia con un ventilatore. Di ventilatori ce ne sono tanti tipi e costituiscono una scelta poco impegnativa, che però può già risolvere una bella parte del problema.
Il secondo passo? Hai mai sentito pralare dei raffrescatori evaporativi? I raffrescatori sono ancora poco diffusi, ma costituiscono una perfetta via di mezzo fra il ventilatore e il condizionatore. Sono più economici dei condizionatori portatili e split, e più performanti dei ventilatori; sono anche una soluzione salutare, in quanto spesso hanno anche funzione di depuratori d’aria e di deumidificatori, inoltre, sono ecologici. Pertanto, si stabiliscono nella nostra classifica come la migior alternativa al condizionatore.

Ma vediamo più nel dettaglio cosa è bene considerare prima dell’acquisto di un condizionatore:

La dimensione della stanza:ventilatori e raffrescatori non diminuiscono la temperatura della stanza, quindi considera che potrai usare questi dispositivi solo per trovare un temporaneo refrigerio. Se intendi portare a temperatura una stanza di dimensioni medio-piccole, dai 10 ai 40 metri quadrati, potrai avvalerti di un condizionatore portatile: considera che 12000 BTU climatizzano stanze fino ai 40 metri quadrati. Se invece la stanza in questione è di ampie dimensioni, come potrebbe essere uno spazio commerciale, la scelta giusta è un condizionatore split, la cui potenza può superare i 20000 BTU.

Il portafogli:o meglio, metti sulla bilancia l'effetto che vuoi ottenere e il tuo budget. Se ti serve del sollievo mentre lavori o mentre sbrighi le faccende di casa, il ventilatore o il raffrescatore ti faranno raggiungere il tuo scopo rimanendo in un range di spesa da una decina fino a un centinaio di euro. Se il condizionatore ti serve per un ambiente di lavoro, probabilmente vale la pena di spendere dai 600 ai 1000 euro per un dispositivo silenzioso con grandi capacità. Il condizionatore portatile, detto anche monoblocco, è una perfetta via di mezzo per abbassare efficacemente la temperatura di casa o del tuo appartamento: con una spesa che si aggira sui 300 euro, otterrai risultati fantastici.

Il tempo a disposizione: l'installazione di un condizionatore split richiede l'intervento di un tecnico e un certo tempo di organizzazione. Rifletti se è davvero necessario optare per questo dispositivo, o se invece un condizionatore monoblocco potrebbe bastare.

Il tuo gusto personale: e come potremmo trascurare questo aspetto? In fondo, qualsiasi dispositivo tu scelga, esso andrà a far parte del tuo arredamento. I nostri climatizzatori Klarstein hanno tutti un design elegante, alcuni più moderno, alcuni più vintage. Siamo convinti che, qualsiasi sia la tua scelta fra ventilatore, raffrescatore e condizionatore, nel nostro online shop troverai l'aggiunta perfetta alla tua casa!

Condizionatori a confronto - sempre fresco, scegliendo il dispositivo più adatto

Ventilatori Raffrescatori evaporativi Condizionatori mobili Condizionatori split
Modalità di raffreddamento Grazie alla corrente d’aria prodotta, il ventilatore offre un piacevole fresco nelle giornate estive più calde. Aiuta a regolare la temperatura del corpo e quindi crea una sensazione di sollievo, anche se la temperatura ambiente non viene di fatto abbassata. Il raffrescatore evaporativo aspira l'aria calda, fa evaporare l'acqua e raffredda l'aria che vi scorre attraverso. Ciò assicura che il corpo sia sempre piacevolmente rinfrescato, anche se la temperatura ambiente non si riduce in modo significativo. L'impianto di climatizzazione mobile garantisce un piacevole raffreddamento dell'ambiente. L'aria calda viene aspirata e raffreddata da un compressore, come in un frigorifero. L'aria calda che ne risulta viene espulsa all'esterno attraverso un tubo di scarico. Il climatizzatore split raffredda l'aria attraverso un refrigerante. L'aria calda della stanza aspirata dall'unità interna fa evaporare il refrigerante e viene diretta verso l'unità esterna. Qui il calore viene dissipato, il refrigerante torna in forma liquida ed è ricondotto all’interno. Il ciclo si ripete fino al raggiungimento della temperatura ambiente desiderata.
Peso Il peso dei ventilatori è (a seconda del modello) solitamente compreso tra 1 e 8 kg. Il peso degli evaporatori va dai 6 ai 10 kg. Il peso per i condizionatori monoblocco è compreso tra 10 e 30 kg. Il peso totale (unità esterna + unità interna) è solitamente di circa 50 kg. L'unità interna pesa intorno ai 10 kg, l'unità esterna circa 40 kg.
Capacità di raffreddamento e dimensioni della stanza Non abbassa direttamente la temperatura ambiente Non abbassa direttamente la temperatura ambiente La capacità di raffreddamento dei condizionatori mobili è solitamente compresa tra 2 e 3 kW. Ciò permette di raffreddare spazi tra gli 80 e i 120 m³. I condizionatori mobili sono quindi più adatti a piccoli ambienti e più per un uso occasionale. I condizionatori split hanno una capacità di raffreddamento superiore rispetto ai condizionatori mobili e ai raffrescatori. Sono quindi particolarmente adatti per ambienti più grandi. La potenza va da 2,5 kW e può arrivare fino a 12 kW.
Consumo ed efficienza energetica I ventilatori hanno il consumo energetico minore tra tutti i dispositivi qui elencati. Rispetto agli impianti di condizionamento monoblocco e split, il raffrescatore evaporativo è più efficiente dal punto di vista energetico. Il consumo di energia elettrica può essere persino superiore rispetto a un moderno condizionatore split. Pertanto, i condizionatori monoblocco sono particolarmente indicati per un uso sporadico. I condizionatori d'aria split di qualità hanno un consumo energetico inferiore rispetto a quelli mobili. Ciò dipende anche dalla classe di efficienza energetica, e per questo ti consigliamo sempre di scegliere le classi comprese tra A e A++++.
Livello di rumore Mediamente, i ventilatori sono in genere più silenziosi degli altri condizionatori d'aria. I raffrescatori funzionano senza compressore e quindi raffreddano l'aria della stanza in modo molto più silenzioso rispetto ad altri sistemi di condizionamento. Le unità mobili raggiungono un livello di rumore tra i 60-65 dB, superiore rispetto agli altri dispositivi. Di norma i condizionatori split sono più silenziosi rispetto a quelli mobili. L'unità interna raggiunge un livello di pressione sonora fino a 50 dB, mentre quella esterna può arrivare fino a 60 dB.

Ventilatori - semplici, ma efficienti

ventilatore a piantana Klarstein, bianco

Prodotto consigliato

Silent Storm Ventilatore

Nessun rumore, massimo sollievo. La nostra "tempesta silenziosa" è un esempio perfetto di ventilatore a piantana sotto i 100 euro. "Silent Storm" assicura il sollievo ideale mentre riposi o lavori, con cinque modalità e dieci velocità di ventilazione. Oltre alla fantastica freschezza, riceve punti extra per essere un ventilatore incredibilmente silenzioso.

  • Molto silenzioso: con 32 dB, è impercettibile come un sussurro
  • Flessibile rotore inclinabile, altezza e oscillazione regolabile
Vai al prodotto

Cosa non daremmo per godere di una piacevole brezza nei giorni di caldo più intenso? Quando l'aria in ufficio o a casa sembra completamente ferma, i ventilatori possono fornire un prezioso aiuto, dandoti un sollievo immediato. Muovendosi, le pale del rotore creano infatti una piacevole corrente d'aria, e se posizionato davanti a una finestra, il ventilatore contribuisce al ricambio d'aria in stanze poco areate. A differenza dei condizionatori d'aria mobili o dei rinfrescatori, tuttavia, i ventilatori non dispongono di un meccanismo di raffreddamento incorporato, come ad esempio un serbatoio d'acqua o batterie di raffreddamento, che in questo caso è ottenuto esclusivamente attraverso il flusso d'aria generato.

    Pro:

  • Ingombro ridotto
  • Non richiede installazione
  • Più economico dei dispositivi fissi
  • Può essere spostato facilmente

    Contro:

  • Portata limitata
  • Non abbassa la temperatura dell’aria

Raffrescatori evaporativi - condizionatori senza tubo e compatti

Raffrescatore evaporativo 4 in i Skyscraper Ice di Klarstein

Prodotto consigliato

Skyscraper Ice Raffreddatore d'Aria

"Skyscraper" sembra proprio il modello in miniatura di un grattacielo: decisamente adeguato, dato che questo tuttofare ti accompagna senza problemi al settimo cielo della freschezza. Il dispositivo funge da ventilatore e depurificatore, e svolge con caparbietà le funzioni di un climatizzatore della fascia di prezzo più bassa: rinfrescare, umidificare e ionizzare.

  • Raffreddamento garantito da un serbatoio d’acqua di 6 litri
  • Ionizzazione dell'aria per l'eliminazione di odori e germi.
Vai al prodotto

Le temperature continuano a salire e hai bisogno di freschezza? Di climatizzatori portatili ce ne sono davvero di ogni tipo. Molte persone cercano un impianto di climatizzazione senza tubo di scarico e preferiscono evitare l'uso di un refrigerante. Un compatto raffrescatore evaporativo è l'alternativa ideale ai mini climatizzatori portatili, dato che non utilizza sistemi con compressore e per questo è ecologico e consuma meno.

La sensazione di abbassamento della temperatura è data dal principio fisico noto come entalpia di vaporizzazione, in cui il dispositivo senza tubo basa il raffreddamento sulla vaporizzazione dell'acqua: il raffrescatore 3 in 1 aspira aria calda dal retro e la fa passare attraverso il vaporizzatore. L'acqua assorbe calore e l'aria in uscita viene raffreddata. Un ulteriore vantaggio: l'aria viene anche umidificata durante questo processo, portando un sollievo ancora maggiore in estate o anche durante l'inverno, quando l'aria in casa è secca a causa dei riscaldamenti accesi. Per una corrente d'aria ancora più fresca, puoi sempre aggiungere dei cubetti di ghiaccio o delle piastre eutettiche. Chi soffre di allergie dovrebbe assicurarsi della presenza di un filtro dell'aria integrato.

    Pro

  • Ingombro ridotto
  • Non richiede installazione
  • Può essere spostato facilmente
  • Bassa emissione di rumori
  • Umidifica l’aria

    Contro

  • Non abbassa la temperatura dell’aria
  • Non adatto aa ambienti con elevata umidità dell’aria
  • Portata limitata

Condizionatori portatili multifunzione monoblocco

Il condizionatore portatile Klarstein Pure Blizzard 3 2G bianco multifunzione con rotelle

Prodotto consigliato

Pure Blizzard 3 2G 3-in-1 Climatizzatore

"Pure Blizzard" assicura aria fresca e pulita durante le torride giornate estive e, grazie al ventilatore e al deumidificatore, ottimizza il clima dei tuoi locali con tutta la potenza di una tormenta, ma senza la sua capacità distruttiva: la tempesta più piacevole che ci sia!

  • Dispositivo 3-in-1:: Climatizzazione, deumidificazione e ventilazione
  • L’aria calda viene espulsa attraverso il tubo di scarico: guarnizioni per finestra incluse
Vai al prodotto

Questi dispositivi sono noti anche come "monoblocco". L'impianto aspira aria calda e la conduce attraverso il circuito refrigerante per mezzo del compressore. L'aria viene così raffreddata e distribuita nel locale come piacevole brezza. L'aria calda di scarico viene convogliata all'esterno tramite un tubo.

Come nelle classiche asciugatrici a scarico continuo, puoi condurre il tubo all'esterno attraverso una finestra socchiusa. Generalmente, il materiale di montaggio necessario è incluso nel volume di consegna, in modo da poter installare e sigillare il tubo di scarico in sicurezza. Non preoccuparti: non sono necessarie procedure complicate. In base alle necessità, puoi spostare tranquillamente il dispositivo di climatizzazione in un altro locale.

    Pro

  • Ingombro ridotto
  • Facile installazione su porte e finestre
  • Costo inferiore rispetto ai condizionatori fissi
  • Riduce efficacemente la temperatura ambiente

    Contro

  • Il tubo deve essere montato su porte o finestre
  • Alto consumo di energia in caso di uso prolungato
  • Non adatto all’uso in regioni con scarsa umidità dell’aria

Come funziona un condizionatore split?

Klarstein Windwaker Eco Split condizionatore, climatizzatore monosplit

Prodotto consigliato

Windwaker Smart condizionatore split

Le previsioni del tempo per la tua casa sono fantastiche: "Windwaker Eco" garantisce condizioni climatiche ottimali con un flusso d'aria di 610 metri cubi/ora e cinque modalità operative. Inoltre, si fa notare per i bassi costi energetici, resi possibili dalle classi energetiche A++ e A+ del climatizzatore in base alla funzione operativa.

  • Potente e performante: condizionatore split facile da installare, con portata superiore e flusso d’aria di 600 m3/ora
  • Caldo o freddo: in 30 secondi è in grado di produrre aria calda o fredda grazie ai suoi 12000 BTU
Vai al prodotto

Il condizionatore split è composto da due unità, una interna e una esterna. Quella interna aspira l'aria della stanza, che verrà poi filtrata e raffreddata. La seconda unità, situata all’esterno, contiene il compressore di raffreddamento. Entrambe le parti del dispositivo sono fisse, e collegate tra loro da un tubo flessibile. Uno dei principali vantaggi di questo tipo di condizionatore è la silenziosità, poiché il compressore si trova all'esterno. La maggior parte dei condizionatori split dispone di una funzione integrata di inversione, che gli consente di riscaldare l’aria nei mesi invernali. L'installazione deve essere eseguita da un tecnico specializzato.

    Pro

  • Sistema di funzionamento in due parti = alta capacità di raffreddamento
  • Rumore ridotto negli ambienti interni
  • Mantiene la temperatura a un livello costante
  • Generalmente dotato di inverter = funziona anche per riscaldare

    Contro

  • Deve essere installato da personale specializzato
  • Prezzo d’acquisto superiore rispetto ai condizionatori mobili
  • Consumo elevato di energia se usato in funzione riscaldamento

I principali tipi di condizionatore a confronto

Calcolare la capacità di raffreddamento degli impianti di climatizzazione (mobili)

La capacità di raffreddamento è un fattore cruciale quando si acquista un nuovo impianto di condizionamento, e il confronto tra i diversi modelli mostra che le prestazioni possono variare. La quantità di energia termica dissipata dal dispositivo incide sui costi di esercizio, determinando anche se il dispositivo riuscirà a rinfrescare il locale in modo ottimale. Se il sistema è troppo piccolo, non produrrà un raffreddamento appropriato dell'ambiente, ma allo stesso tempo bisogna evitare di fare una scelta sovradimensionata. Sono due le unità di misura che esprimono la capacità di raffreddamento: BTU e (kilo)Watt. BTU sta per British Thermal Unit ed indica la capacità di raffreddamento (all'ora) dei sistemi per il condizionamento dell'aria.

Per individuare la capacità di raffreddamento proporzionata alle dimensioni della tua stanza, puoi usare questa formula: Calcola la superficie della stanza in metri quadrati e moltiplicala per un valore compreso tra 60 watt (se la stanza è ben isolata e poco esposta al sole) e 100 watt (se l’isolamento è scarso ed è molto esposta al sole). Esempio:

20 m² x 100 W = 2000 W

(1000 W = 1 kW = 3412,14 BTU)

Per rinfrescare un locale di 20 metri quadrati, con isolamento scarso e un'elevata esposizione al sole, è quindi necessario un apparecchio con una potenza frigorifera di 2 kW e circa 6800 BTU/h.

Oltre all'isolamento e alle radiazioni solari, la capacità di raffreddamento appropriata dipende anche dal numero di persone e di apparecchi presenti nel locale. Aggiungi circa 250 watt per ogni persona in più, oltre alla potenza di ogni dispositivo elettronico presente nella stanza. Puoi trovare le informazioni sul consumo nelle istruzioni per l'uso e sulla targhetta di identificazione del dispositivo.

Ne consegue che, per ottenere un raffreddamento efficiente, le stanze più grandi necessitano di dispositivi più potenti, mentre in quelle più piccole, o utilizzate solo sporadicamente, si può optare anche per un condizionatore con tubo di scarico (non esistono modelli senza tubo). Un condizionatore fisso è ideale come soluzione per rinfrescare una camera da letto, ma i costi in questo caso sono più elevati.

Domande frequenti

Il corretto posizionamento del condizionatore ha un impatto significativo sulla capacità di raffreddamento e sulla riduzione dei consumi. I dispositivi mobili non dovrebbero essere lasciati troppo vicino alle pareti o a fonti di calore, come ad esempio le lampade. Indipendentemente dall'opzione scelta, dovrebbe sempre esserci una presa di corrente a portata di mano. Se hai deciso di installare un sistema split, dovresti tenerne conto durante la progettazione. In caso contrario, un elettricista dovrà posare nuovi cavi elettrici per fornire l’alimentazione.

Si tratta di una variante che permette di collegare contemporaneamente più unità interne all'unità esterna. A seconda della versione, è possibile collegare fino a 5 unità interne, usate per climatizzare diversi ambienti o interi piani.

Un condizionatore splito può essere installato senza l’aiuto di un tecnico, ma, a meno che tu non sia un esperto, non ti consigliamo di farlo, e di rivolgerti a un tecnico specializzato ed esperto. Per la progettazione e l'installazione di questi sistemi complessi sono infatti indispensabili conoscenze specifiche, e in caso di installazione fai da te sarai responsabile per eventuali errori e danni. Se il refrigerante fuoriesce durante un'installazione eseguita male, ciò comporta conseguenze per la tua salute e per l'ambiente.

Sì. Dal 2015 è in vigore un nuovo regolamento con requisiti estesi. Dal 2017 il legislatore obbliga inoltre i gestori di impianti di climatizzazione con l'ordinanza R 410A a effettuare una prova di tenuta su tutti gli impianti con una capacità di 2,4 kg o superiore. Se le quantità di riempimento del refrigerante superano i valori critici, si applicano ulteriori obblighi di registrazione e di stoccaggio.

Sì, tutti gli impianti di aria condizionata necessitano di manutenzione. Per i sistemi più grandi con un volume di riempimento di circa 2,5-3 kg, si raccomanda la manutenzione una volta all'anno; per le unità più piccole, un intervallo di manutenzione di 2 o 3 anni è di solito sufficiente. In questo modo il filtro può essere controllato e, se necessario, sostituito. La manutenzione è di solito eseguita da specialisti del condizionamento, del riscaldamento e dei sanitari. La tecnologia di refrigerazione di impianti complessi può anche essere controllata regolarmente da un elettricista.

Ci possono essere diverse cause che limitano la capacità di raffreddamento. Tra queste, ad esempio, una quantità di refrigerante troppo bassa o un filtro difettoso o sporco. In caso di dubbio, è necessario contattare un tecnico specializzato.

Fondamentalmente, si deve fare attenzione al rapporto con l'ambiente in termini di umidità relativa e temperatura. Si consiglia di non raffreddare l’ambiente interno di oltre 6 gradi rispetto all’esterno. Ciò è consigliabile per evitare raffreddori e problemi circolatori dovuti ad un'eccessiva differenza di temperatura. Un'umidità troppo bassa può seccare le mucose e quindi irritare le vie respiratorie. Se invece è troppo alta, può avere un effetto negativo sulla termoregolazione delle persone nella stanza. Un'umidità di circa il 50-60% è l'ideale

Nel test di climatizzazione realizzato dalla Stiftung Warentest è emerso che l’impatto ambientale dipende dalla scelta del gas refrigerante. Attualmente la normativa richiede elevati requisiti per l'omologazione degli impianti più moderni.

Sì, molte aziende offrono speciali spray con cui è possibile disinfettare i dispositivi, impedendo così la formazione di germi e funghi.

torna su