Bollitori Elettrici

Bollitori Elettrici

Bollitori Elettrici (28)

Bollitore elettrico - per il tuo tè e non solo

Alcuni elettrodomestici dal funzionamento apparentemente semplice finiscono per avere un grande impatto sulla vita di tutti i giorni, permettendoci di risparmiare tempo e fatica quando torniamo a casa per rilassarci e godere appieno del nostro tempo libero. Insieme alle macchine da caffè, sicuramente il bollitore elettrico è uno di questi, dal momento che ci permette di riscaldare l’acqua molto più rapidamente rispetto al classico metodo del pentolino sul fornello. Questo piccolo grande alleato, non solo in cucina ma anche al lavoro o in ogni situazione in cui si consumano bevande calde, è da sempre molto diffuso in Inghilterra e negli Stati Uniti, ma negli ultimi anni ha riscosso un crescente successo anche in Italia.

Per preparare in pochissimi minuti un tè, una tisana o un infuso, ma anche per riscaldare l’acqua che si andrà poi a usare per la cottura della pasta o per cucinare un brodo, sono sempre più coloro che si affidano alla comodità offerta da un bollitore elettrico, guadagnando preziosi minuti. Il funzionamento è semplice e si basa sulla trasformazione dell’energia elettrica in energia termica: accendendo il bollitore, infatti, la resistenza elettrica interna si scalda fino a far raggiungere all’acqua la temperatura di ebollizione. Tuttavia, attualmente l’offerta è molto ampia, con modelli che si variano non solo per il materiale con cui vengono realizzati, ma anche per potenza, capacità, e la presenza di alcune funzionalità aggiuntive. Come fare, allora, per scegliere il bollitore giusto?

Se cerchi un modello classico, o magari tra i bollitori elettrici design uno più simile a quello di una teiera elettrica, su Klarstein trovi un ampio assortimento di modelli, dai più economici ai più sofisticati, includendo anche i dispenser di acqua calda pensati per l’uso in l’ufficio. Tutti realizzati con una particolare cura dei materiali con un design innovativo, dal più semplice a quello più stravagante come nel caso dei nostri bollitori elettrici vintage, fissi o in versione rimovibile senza filo, i nostri elettrodomestici da cucina non sono solo funzionali, ma consentono anche di aggiungere quel tocco in più di originalità e stile alla tua cucina. Scopri quello che fa per te dando un’occhiata alla nostra vetrina di prodotti!

Quali aspetti considerare prima dell’acquisto di un bollitore elettrico

Il primo fattore da considerare è la capienza del bollitore. Se usi il dispositivo per preparare molte tazze di tè alla volta, riscaldare l’acqua per la pasta o preparare pappe per bambini, meglio scegliere un modello più grande, ad esempio con una capacità da 1,7 litri, che ti permetterà di ottenere senza problemi almeno sette tazze di acqua calda in pochissimi minuti. Viceversa, se non hai bisogno di grandi quantità, potresti optare per un bollitore elettrico piccolo, con una capacità fino a 800ml, pari grossomodo a tre tazze. La misura intermedia è quella intorno al litro, che equivale a quattro tazze.

Un secondo fattore degno di considerazione è relativo alla struttura del bollitore, a partire dai materiali di cui è composto. In commercio si trovano sostanzialmente bollitori elettrici in vetro, acciaio inox, plastica o pyrex, una sorta di vetro di ultima generazione particolarmente resistente agli sbalzi termici. Chiaramente vetro e acciaio sono i materiali più resistenti, meno soggetti a opacizzazione e graffi, mentre la plastica è più leggera ed è normalmente impiegata per i modelli di fascia inferiore. Per una maggior facilità d’uso, verifica inoltre come il bollitore va collocato sulla sua base, ovvero, se è ad appoggio libero, potendo ruotare di 360 gradi, o se esiste una posizione specifica di aggancio.

I bollitori elettrici di fascia alta sono in genere dotati di un filtro anticalcare, molto comodo in quanto permette di trattenere le incrostazioni contenute nell’acqua che si sta bollendo, con il risultato di avere un’acqua più pura e di proteggere la serpentina, garantendone il funzionamento ottimale nel tempo. A seconda dei modelli, sotto la base è spesso presente un vano raccoglicavo, molto comodo per tenere fuori dalla base solo la parte del cavo necessaria per il collegamento alla presa elettrica. Nei modelli più economici l’impugnatura del bollitore non è normalmente dotata di particolari rivestimenti, mentre salendo di fascia si trovano manici realizzati in gomma antiscivolo, per una presa più sicura.

Miglior bollitore elettrico: resistenza a serpentina o piatta?

Un elemento importante che incide sul funzionamento del bollitore è il tipo di resistenza, che può essere a serpentina o piatta. La resistenza a serpentina, usata tipicamente in un bollitore elettrico piccolo, è visibile aprendo il coperchio, ed è caratterizzata dalla forma che ricorda una spirale. Richiede un tempo maggiore per riscaldare l’acqua, ma il principale inconveniente è dato dal fatto che a causa della sua forma è più soggetta a usura, poiché tende ad accumulare incrostazioni di calcare. La resistenza piatta, al contrario, non presenta questo problema, non essendo collocata interamente all’interno del bollitore, in cui è possibile vedere solo il suo fondo metallico. Consente in generale tempi di bollitura più brevi, ed è decisamente più semplice da pulire.

Le principali funzionalità di un bollitore acqua elettrico

Praticamente tutti i modelli di bollitore elettrico in commercio sono dotati di un sistema di spegnimento automatico, che scatta una volta raggiunta la temperatura di ebollizione. Allo stesso modo, è sempre presente un indicatore del livello dell’acqua per dosare con precisione la quantità, e una spia luminosa per segnalare che l’apparecchio è in funzione e che quindi non va toccato. Molti modelli dispongono inoltre di un sistema a molla per l’apertura del coperchio, che consente l’apertura del dispositivo semplicemente spingendo un tasto.

I modelli di bollitore più avanzati permettono anche di regolare la temperatura desiderata dell’acqua, impostando temperature inferiori ai 100 gradi: alcuni infusi, infatti, richiedono temperature intorno ai 70 gradi, e grazie a questa funzionalità sarà semplice ottenere il risultato desiderato. In alternativa, alcuni dei nostri modelli, come ad esempio quelli della serie Aquavita Chalet, montano un piccolo termometro integrato, permettendo di monitorare in tempo reale l’aumento della temperatura dell’acqua all’interno.

Potenza e consumi del bollitore elettrico

La potenza del bollitore determina la rapidità con cui il dispositivo porta a ebollizione l’acqua, a parità di quantità inserita. Per avere un’idea, immaginando di dover bollire un litro d’acqua:

  • un bollitore da 2400 watt impiega circa 3 minuti per raggiungere l’ebollizione
  • un modello con 2200 watt richiede circa 4 minuti
  • con 1000 watt di potenza saranno necessari intorno ai 6-7 minuti

I consumi effettivi variano, chiaramente, a seconda della frequenza d’uso, ma esistono alcuni sistemi che permettono di ottimizzare la quantità d’acqua utilizzata, ad esempio indicando sulla scala graduata non solo i millilitri, ma anche il numero di tazze a cui questa quantità corrisponde. Nella scelta del bollitore più adatto va sempre valutato il tipo di uso che si prevede di farne. Se prevedi di usarlo molto spesso, non solo per preparare tisane e bevande calde, ma anche per accelerare la cottura della pasta, il consiglio optare per un bollitore elettrico con una capacità intorno a un litro e mezzo e realizzato in acciaio o vetro, per una maggiore durabilità. Se pensi di usare il bollitore sporadicamente, anche un modello più economico e con una minore capacità può essere la soluzione che fa al caso tuo.

torna su