Raffrescatori evaporativi

Raffrescatori evaporativi

Raffrescatori evaporativi (22)

Raffrescatore evaporativo: l’alternativa accessibile all’aria condizionata

Con l’arrivo del primo caldo scatta spesso la corsa all’acquisto di dispositivi per rinfrescare l’aria. Per affrontare in casa e in ufficio le alte temperature estive, chi non ama l’aria condizionata di solito opta per il classico ventilatore mentre i più esigenti si orientano sui condizionatori per appartamento. Un’alternativa interessante - e ancora relativamente poco conosciuta- è rappresentata dai raffrescatori evaporativi, dispositivi all’apparenza simili ai condizionatori, tuttavia più economici, silenziosi ed ecologici rispetto ad essi.

Ma come funziona il raffrescatore e come riesce magicamente a rendere piacevole la temperatura della tua stanza? A seguito ti forniamo alcune informazioni utili, per aiutarti a capire se questa soluzione fa anche al caso tuo.

Raffreddare l’aria con l’acqua

Un raffrescatore può essere considerato una sorta di ventilatore con ghiaccio, e sfrutta il principio del raffreddamento tramite l’evaporazione. La ventola presente al suo interno aspira l’aria dalla stanza, e il flusso è fatto passare attraverso un pannello filtrante, realizzato con materiali assorbenti o a nido d’ape, mantenuto costantemente bagnato dall’acqua o dal ghiaccio presenti nel serbatoio interno. In questo modo il dispositivo fa evaporare lentamente l'acqua, che viene nebulizzata nel flusso in uscita rimuovendo il calore e raffreddando naturalmente l’aria. Per ottenere il raffreddamento basta riempire regolarmente il serbatoio dell'acqua con acqua di rubinetto, siberini o ghiaccio, senza dover ricorrere a gas refrigeranti o all’uso di un compressore.

Cosa tenere a mente quando si usa il raffrescatore?

Un fattore importante è il livello di rumore: dopo tutto si vuole essere ancora in grado di giocare, dormire o lavorare nella stessa stanza quando il dispositivo è in funzione. Per rendere possibile tutto ciò, la maggior parte dei nostri modelli offre un livello di ventilazione particolarmente silenzioso. Anche l'efficienza del raffreddamento è importante, e alcuni raffrescatori Klarstein funzionano con batterie ricaricabili o possono essere riempiti direttamente con acqua ghiacciata, per fornire aria fresca in modo più efficiente e a un prezzo inferiore. Poiché l'acqua evapora durante il processo di raffreddamento, l'aria della stanza può contemporaneamente essere umidificata. A seconda del modello, la funzione umidificatore può anche essere disattivata, se necessario, in modo che il dispositivo possa continuare a essere utilizzato anche quando i livelli di umidità sono leggermente più elevati.

Alcuni ritengono che l’uso di questo dispositivo, determinando un incremento del livello di umidità attraverso il processo di evaporazione, possa far aumentare la sensazione di caldo percepito. Va considerato però che l’acqua immessa nell’aria non si trova allo stato liquido, ma gassoso, essendo nebulizzata sotto forma di molecole raffreddate per prevenire la formazione di condensa.

Raffrescatore ad acqua o condizionatore?

In molte situazioni, il raffreddamento ad acqua è un'opzione più economica e rispettosa dell'ambiente per climatizzare comodamente una stanza. Soprattutto quando l'aria è secca (ad es. in ufficio), vale la pena acquistare un raffrescatore evaporativo: il dispositivo raffredda con l'acqua e umidifica leggermente l'aria allo stesso tempo, contrastando l'aria secca dell'ambiente e creando un clima interno più salubre.

Se l'umidità è troppo elevata l'aria dovrebbe idealmente essere anche deumidificata, ad esempio con un condizionatore. Lo svantaggio del condizionatore è che il processo di raffreddamento crea aria calda di scarico, e che questa deve essere espulsa tramite un tubo verso l'esterno. Un raffrescatore evaporativo portatile può quindi essere posizionato ovunque nella stanza, mentre un condizionatore portatile invece deve essere posizionato in modo tale che il tubo di scarico fuoriesca all'esterno, ad esempio tramite una finestra.

Principali vantaggi e svantaggi

Rispetto agli altri sistemi di climatizzazione, il raffrescatore evaporative presenta i seguenti vantaggi:

  • costo di acquisto: il prezzo è decisamente inferiore a quello di un condizionatore
  • maneggevolezza: è un dispositivo pensato per essere spostato tra i vari ambienti della casa, sempre dotato di ruote e maniglie
  • consumi: si attestano a livelli estremamente bassi, paragonabili a quelli di un comune ventilatore
  • non inquina: funzionando con acqua e ghiaccio e senza far uso di gas refrigeranti, è un dispositivo ecologico a tutti gli effetti
  • nessuna installazione: è mobile ma anche privo di tubi di scarico, e quindi non richiede alcun montaggio

Tuttavia, prima di procedere all’acquisto, vanno considerati anche i seguenti fattori:

  • umidificazione dell’aria: a causa del suo principio di funzionamento, e in misura maggiore o minore a seconda del modello, l’uso del raffrescatore fa sempre aumentare il tasso di umidità dell’aria. Ciò rappresenta un problema qualora ti trovi ad usarlo in ambienti già molto umidi, con tassi superiori al 90%: in questo caso, è preferibile disattivare la funzione evaporazione e usarlo solo in modalità ventilazione
  • potenza: se ami il fresco intenso, ricorda che anche i migliori raffrescatori offrono una capacità di raffreddamento inferiore ai condizionatori, sempre da preferire se serve un dispositivo in grado di far scendere la temperatura dell’aria
  • necessità di rabbocco: quando il rinfrescatore viene usato in modalità evaporazione, il serbatoio interno va più volte rifornito di acqua e ghiaccio, il che è considerato uno svantaggio da molti utenti

torna su